Se in classe ti distrai, un «occhio intelligente» farà la spia

In alcune scuole cinesi stanno usando un sistema di controllo dell'attenzione che becca e segnala lo studente distratto

WhatsApp Share

A marzo, una scuola media di Hangzhou nell'est della Cina ha installato un sistema smart di gestione del comportamento scolastico (praticamente un «occhio intelligente») in una delle sue aule. L'occhio utilizza la tecnologia di riconoscimento facciale per monitorare gli studenti.

Entro questa estate, gli amministratori pianificano di installare questo sistema in ogni classe .
Ecco come funziona: ogni 30 secondi, tre telecamere installate nella parte anteriore della stanza scandiscono il volto di ogni studente per determinare la loro espressione: sorpreso, triste, antipatico, arrabbiato, felice, impaurito o neutrale. Le telecamere registrano anche le azioni di ogni studente durante tutta la lezione, osservando se stanno leggendo, ascoltando, scrivendo, alzandosi in piedi, alzando le mani o appoggiandosi alla scrivania.

L'«occhio intelligente» avverte l'insegnante in tempo reale se nota che uno studente è distratto e l'insegnante può anche visualizzare un rapporto alla fine della lezione che fornisce una media delle espressioni di ogni studente.
Il preside della scuola, Ni Ziyuan, ha detto ad giornale – a sua volta «controllato» dal governo cinese – che l'obiettivo è quello di aiutare gli insegnanti a migliorare le loro lezioni in base a reazioni degli studenti, ma chiaramente – bisognerebbe dirglielo – il punto non è solo questo.

Ci sono degli studenti che vengono ripresi e controllati e valutati per le loro espressioni e per il loro modo di stare in classe, come se non bastasse il sistema di istruzione cinese, già notoriamente esigente. Con questo metodo, gli alunni subiranno sempre più pressione e, nella classificazione tra «attenti» e «non attenti», subiranno uno stress che potrebbe incidere sul loro modo di intendere la scuola e le proprie capacità di imparare – che, poi, non tutti hanno le stesse modalità di ascolto e apprendimento.

Speriamo che questo sistema non faccia troppi danni.