Batterie per smartphone che durano quasi il doppio

La Sony sta progettando delle batterie ricaricabili ad alta capacità, che durano il 40% in più del tempo

WhatsApp Share

 

La Sony ha rivelato che sta sviluppando una nuova tipologia di batterie che possano sostituire quelle agli ioni di litio (Li-ion), al fine di iniziare la loro commercializzazione nel 2020. La società prevede di aumentare la densità energetica per volume, passando dagli attuali 700 Wh/L ai 1.000 Wh/L, grazie all'utilizzo di un composto di zolfo come materiale degli elettrodi. Rispetto a una batteria esistente che ha lo stesso volume, le nuove batterie possono aumentare la durata (capacità) del 40%.

L'intento di commercializzazione della Sony riguarda innanzitutto le batterie laminate per gli smartphone, ma non è questo l'unico obiettivo: l'azienda punta a sfruttare la grande capacità delle batterie per altri tipi di apparecchiature, tra cui gli altri dispositivi mobili e i robot.

Per sostituire le batterie Li-on – che, comunque, la società utilizza sui suoi prodotti– la Sony sta sviluppando una batteria Litio-Zolfo (Li-S) e una batteria Magnesio-Zolfo (Mg-S), ma ci vogliono di certo ancora 5 anni per arrivare a un buon risultato, visto che ci sono da mettere in conto sia le difficoltà di lavorare con lo zolfo, che può degradare rapidamente, sia i problemi legati al litio metallico (la batteria Li-S utilizza un composto di zolfo per l'elettrodo positivo e litio metallico  per l'elettrodo negativo) – la presenza del litio fa sì che la batteria generi dendriti (depositi ramificati di litio) al suo elettrodo negativo poiché ripetutamente caricata e scaricata: questi dendriti possono provocare un cortocircuito rompendo il separatore che isola l'elettrodo positivo dall'elettrodo negativo. Lo sviluppo della batteria Mg-S attira molto interesse proprio perché, non utilizzando composti di litio potenzialmente pericolosi, potrebbe rappresentare una soluzione più semplice.

Nonostante queste difficoltà, la Sony ritiene che si tratta di due tecnologie parimenti molto promettenti.

 

Non è l'unica azienda impegnata nello sviluppo di batterie con lo zolfo come materiale degli elettrodi, quindi è probabile che assisteremo a una competizione tra produttori per la commercializzazione di queste batterie.

EC