Vestiti per combattere i parassiti

Un nuovo studio americano afferma che i vestiti trattati con insetticidi contrastano le zecche

WhatsApp Share

Un nuovo studio gestito dal governo degli Stati Uniti ha fatto dei test sui vestiti trattati con insetticidi che vengono commercializzati per prevenire i mali trasmessi dalle zecche e ha scoperto che, in realtà, questi indumenti contrastano i parassiti.

Durante i test di laboratorio, i ricercatori hanno rilevato che i capi o causavano rapidamente la caduta delle zecche oppure le rendevano incapaci di mordere – lo studio ha coinvolto tre tipi di zecche che, negli Stati Uniti, sono i principali portatori di malattie, tra cui la malattia di Lyme, la febbre delle Montagne Rocciose e quella che è nota come STARI (Southern Tick-Associated Rash Illness).

Gli abiti analizzati erano stati pretrattati con permetrina, una sostanza antiparassitaria di solito usata come insetticida spray o come shampoo e crema nel caso di trattamento di pidocchi e scabbia. Diverse aziende già commercializzano camicie, pantaloni, calze e altri indumenti trattati con permetrina come metodo per scongiurare i parassiti che trasmettono le malattia e questo nuovo studio non fa che aggiungere prove al fatto che questi capi sono davvero tossici per le zecche.

Ovviamente rimangono delle domande e un atteggiamento diffidente di molti che pensano sia sbagliato usare dei vestiti trattati chimicamente, resistenze a cui gli scienziati rispondono affermando che la quantità di permetrina presente nell'abbigliamento è molto bassa (una soluzione contenente solo lo 0,5% del pesticida viene rilasciata nel tessuto) e che la sostanza è scarsamente assorbita dalla pelle.

Insomma, le nuove scoperte, pubblicate sulla rivista «Journal of Medical Entomology», offrono davvero un grande supporto a questa modalità di contrastare le zecche.