Dalla Cina un importante rimedio per i reni

Un complesso di erbe cinesi potrebbe prevenire le lesioni renali nei pazienti con diabete di tipo 2

WhatsApp Share

Le persone affette da diabete possono ottonere benefici da due formulazioni fitoterapiche provenienti dalla medicina tradizionale cinese: la radix puerariae (RP) e la fructus crataegi (FC). In uno studio pubblicato sulla rivista “BMC Complementary and Alternative Medicine”, i ricercatori hanno voluto verificare l'effetto della combinazione di questi due principi (RPFC), soprattutto in relazione ai danni renali derivanti dal diabete di tipo 2.

La radix puerariae proviene dalla radice di Pueraria lobata o Pueraria thomsonii (kudzu), mentre la fructus crataegi deriva dal frutto di una delle due varietà di Crataegus pinnatifida (shan zha).

I ricercatori hanno utilizzato 20 ratti, a cui è stata somministrata una dieta ricca di grassi per indurre la resistenza all'insulina. Nelle 15 settimane di studio, hanno raccolto diversi campioni di sangue e misurato ripetutamente l'indice di peso corporeo. Al termine, i ratti son stati soppressi e son stati studiati i reni, sia sotto il profilo biochimico che quello patologico.

Gli autori hanno scoperto che il trattamento con RPFC ha comportato una diminuzione dei livelli di glucosio nel sangue. Negli animali trattati con RPFC c'è stata anche una minore espansione della matrice mesaniale del glomerulo, una minore costrizione della capsula renale e un ridotto edema delle cellule epiteliali tubulari renali. Infine, gli animali che hanno ricevuto il trattamento hanno mostrato livelli più bassi di PI3K, AKT, alfa-SMA e collagene IV.

I ricercatori hanno concluso che la RPFC riduce la gravità e l'incidenza dei danni renali derivanti dal diabete, bloccando la via del PI3K / AKT nel rene.

Nel frattempo, uno studio pubblicato sulla rivista «Science», ha dimostrato che le fibre aiutano a far crescere, nell'intestino, batteri che producono segnali chimici che aiutano a regolare l'appetito e lo zucchero nel sangue – e quindi il diabete di tipo 2