Caffè e gravidanza

L'esposizione a livelli elevati di caffeina nel grembo materno potrebbe portare problemi di peso nel nascituro

WhatsApp Share

Secondo un recente studio pubblicato su BMJ Open, durante la gravidanza è necessario ridurre l'assunzione di caffeina. Il caffè, infatti, potrebbe portare un ridotto peso alla nascita e un eccessivo peso durante la prima infanzia.

Molti sono i benefici associati alla caffeina, come la riduzione del rischio di cancro, una migliore memoria e la protezione contro malattie cardiovascolari. L'eccessiva assunzione di caffeina, però, è stata associata a problemi come disturbi del sonno, battito cardiaco accelerato, mal di stomaco, irritabilità, nervosismo, irrequietezza e, nelle mamme in attesa, a un problema di peso del nascituro.

Questo perché la caffeina viene facilmente assorbita dalla placenta, arrivando al feto, che non ha gli enzimi necessari per metabolizzare il composto. Precedenti studi hanno dimostrato che un'assunzione giornaliera di 300 mg di caffeina durante la gravidanza porta a una crescita limitata nel grembo e, di conseguenza, a un aumento del rischio di morte prematura. Inoltre, l'assunzione di caffeina rende più probabile un aborto spontaneo.

Recentemente, ricercatori di varie istituzioni europee hanno scoperto che l'assunzione di caffeina durante la gravidanza contribuisce anche all'aumento di peso durante l'infanzia. Ciò è stato determinato attraverso uno studio osservazionale che ha coinvolto 51.000 coppie di madri e bambini in Norvegia. AIl team ha rilevato che il 44% delle madri in attesa aveva un consumo moderato di caffeina (50-199 mg) mentre il sette e il tre percento aveva un'assunzione elevata (200-299 mg) o molto elevata (300 mg e oltre).

In questo studio, venivano esaminate diverse fonti di caffeina, come il tè nero, bevande, cioccolato, latte al cioccolato, panini, dessert, torte e dolci. I ricercatori hanno proceduto a misurare il peso, l'altezza e la lunghezza dei bambini in 11 momenti diversi, a partire da quando avevano solo sei settimane fino a quando non hanno raggiunto gli otto anni. I risultati hanno mostrato che l'assunzione di caffeina media, alta e molto elevata aumentava il rischio di obesità rispettivamente del 15, 30 e 66%.