Alimentazione e ormoni

La dieta condiziona il nostro sistema endocrino.

WhatsApp Share

Gli ormoni garantiscono la salute generale del corpo, proprio per questo è importante prendersene cura. Un articolo pubblicato recentemente sulla rivista Organic Spa Magazine ha rivelato che il modo migliore per tenere sotto controllo il sistema ormonale è quello di mangiare determinati alimemti tutti i giorni.

Una corretta alimentazione, infatti, è il metodo più veloce ed efficace per assicurare la propria salute: può rafforzare il sistema immunitario e migliorare lo stato emotivo. La nutrizione influenza anche il sistema endocrino.

Gli ormoni appaiono “grassi e densi”, come il colesterolo. Per questo, molti dei principi alimentari suggeriti dai nutrizionisti per la regolazione del colesterolo valgono anche in campo ormonale.

Nelle donne, il sistema endocrino controlla il ciclo mestruale, nello specifico la produzione di estrogeni, progesterone e ormoni follicolo-stimolanti. Durante la "fase follicolare", i livelli di estrogeno sono al massimo. Nella successiva "fase luteale", i livelli di estrogeno diminuiscono, mentre i livelli di progesterone aumentano.

Questo ciclo è alimentato dal sangue, che, a sua volta, è “alimentato” dal cibo ingerito. A interferire con questo meccanismo, lo stress, l'ansia e l'inquinamento. Quando il nostro sangue è povero di certi elementi, possiamo avere problemi digestivi e umorali. Il primo passo è quello di fare un esame approfondito del sangue.

Le carenze potrebbero essere superate attraverso il consumo di integratori e cibi ricchi di vitamina B e ferro, come barbabietole, manzo e verdure a foglia verde.

E' fondamentale, poi, rispettare i tempi dettati dal nostro orologio biologico e consumare, di conseguenza, pasti regolari, masticando con cura.

Ci può venire incontro anche l'utilizzo di oli essenziali e l'introduzione di alimenti particolai, come semi di lino, miglio, germogli di fagioli mung, tofu e ignami. Per il progesterone, i cibi consigliati sono lo zenzero, i semi di sesamo, i semi di girasole e la quinoa.