Toscana e Umbria puntano al ciclo-turismo

Toscana e Umbria unite nella  creazione e nella valorizzazione di una rete ciclabile di carattere interregionale

WhatsApp Share

 

Toscana e Umbria puntano al turismo sostenibile e, in particolare, a quello ciclistico. Oggi, ad Arezzo, gli assessori alla viabilità e alle infrastrutture delle due Regioni, Vincenzo Ceccarelli per la Toscana e Silvano Rometti per l'Umbria, hanno sottoscritto un protocollo d'intesa che si pone come obiettivo principale la creazione e la valorizzazione di una rete ciclabile di carattere interregionale che possa permettere la connessione dei rispettivi territori e la loro visita ed esplorazione.

Ripristinando e migliorando una rete di percorsi già esistenti, si vuole offrire al cicloturista la possibilità di percorrere grandi anelli in più tappe, incontrando alcuni dei paesaggi più suggestivi del centro Italia senza mai scendere dalla bicicletta.

 

‘Ci è sembrato logico - dichiara l'assessore regionale toscano ai trasporti, Vincenzo Ceccarelli - progettare insieme i nuovi percorsi delle ciclopiste da realizzare e insieme raccordare quelli esistenti sui nostri territori, anche perché i ciclisti mal comprenderebbero il mancato raccordo tra percorsi di livello europeo per il solo fatto che siamo di fronte a tratti di competenza di Regioni diverse. Anche per questo la collaborazione tra Toscana e Umbria è positiva. Del resto la Regione Toscana crede nella necessità di investire risorse consistenti per sviluppare la rete cicloturisticae perciò destinerà a questo scopo 50 milioni di euro nei prossimi 5 anni’.

gc