Il bike sharing migliora la qualità della vita

Il bike sharing risolve il problema degli ultimi chilometri da percorrere senza auto per chi arriva in città in treno o con gli autobus. E’ ecologico, rapido e sicuro

WhatsApp Share

 

Il bike sharing migliora la qualità della vita e si offre ai cittadini come soluzione sicura e pulita per spostarsi in città. Le città, che siano piccole e grandi, hanno enormemente bisogno di questo servizio. E ad averlo ben compreso e messo in pratica sono già  Barcellona, Lione, Città del Messico, Montreal, New York, Parigi e Rio de Janeiro, che vantano il più alto tasso di penetrazione del sistema. A dirlo è una ricerca condotta dall'Institute for transportation and development policy (Itdp) di New York che ha incluso 400 città di 5 continenti dove si stanno mettendo in pratica sistemi per implementare la condivisione delle biciclette. Lo studio è incluso nella prima guida ‘The bike share planning guide’, edita dall'Itdp, contenente le best-practices adottate nelle città che offrono questo tipo di servizio ai cittadini.

 

Il bike sharing  risolve, per tanti cittadini, il problema degli ultimi chilometri da percorrere senza auto per chi arriva in città in treno o con gli autobus e deve raggiungere il luogo di lavoro. Utilizzare una bici condivisa per spostarsi è rapido ed ecologico e migliora la qualità della vita : ‘Un sistema ideale per migliorare lo stato dell'ambiente e ridurre il numero di miglia percorsi in automobile - spiega Colin Hughes, direttore del National policy and project evaluation dell' Itdp - Ad esempio i 22.000 membri del car sharing di Washington hanno ridotto il numero di miglia fatti in auto di 4,4 milioni all'anno e molti studi dimostrano che 20 minuti di bicicletta al giorno hanno un impatto significativo sulla salute mentale e fisica’.

gc