Dimagrire grazie all'Effetto Crunch

Ascoltare la propria masticazione per mangiare di meno

WhatsApp Share

Le tecniche per dimagrire continuano ad essere moltissime: mangiare lentamente, mangiare cose cotte in determinate maniere, mangiare poco e spesso, mangiare cibi insipidi e poco attraenti. Ora è arrivato uno studio, condotto dalla Brigham Young University dello Utah e dalla Colorado State University che mette l'udito al centro della questione.

A quanto affermato dai ricercatori imparare ad ascoltare la propria masticazione potrebbe essere un metodo per mangiare di meno: l'udito è un senso che può essere fortemente sfruttato.

Lo chiamano Effetto Crunch ed è il risultato che è venuto fuori da tre esperimenti durante i quali le persone venivano fornite, durante i pasti, di cuffie che gli sparavano nelle orecchie musica fortissima che gli impediva di ascoltare il «crunch» di biscottini, patatine e salatini che stavano sgranocchiando, portandoli a mangiare molto di più.

Entrare in sintonia con la propria masticazione è dunque un nuovo metodo per diminuire le calorie ingerite: quando le persone sono distratte dal rumore di fondo, dal volume alto della televisione accesa o dalla musica della radio, mangiano molto di più; al contrario, quelle che mangiano con un rumore tranquillo intorno, seguiranno la propria bocca e «sentiranno» quello che stanno mangiando.

L'udito è un senso alimentare che è stato dimenticato, ma non è meno importante degli altri nel momento in cui ci nutriamo: noi siamo abituati a guardare, toccare, odorare e gustare, ma non ad «ascoltare» il cibo. 

Lo studio, pubblicato sulla rivista accademica Food Quality and Preference vuole spingere i consumatori verso una consapevolezza totale del pasto: forse gli effetti sulla diminuzione del cibo ingerito non sembreranno subito enormi, ma già con il passare di una settimana sarà possibile rendersi conto dei miglioramenti. 

Anche il cioccolato può aiutare a dimagrire.