Rosa canina e obesità

Secondo una ricerca, i cinorrodi della rosa canina permetterebbero la perdita di grasso corporeo

WhatsApp Share

I cinorrodi della rosa canina (ossia quelle parti rosse simili a un frutto o ad una bacca) contengono tanta vitamina C e, secondo un recente studio, aiutano anche a combattere l’obesità. In poche parole, prevengono l’aumento di peso e favoriscono la diminuzione del grasso viscerale, fattore che può influenzare il diabete, la capacità di superare un cancro al rene o può favorire l’insorgenza malattie cardiovascolari.

Dopo anni di esperimenti sugli animali, alcuni ricercatori giapponesi hanno condotto uno studio clinico sull’uomo.

Ogni giorno i soggetti ricevevano una compressa masticabile contenente un placebo o 100 mg di estratto di rosa canina. Durante lo studio, i partecipanti non dovevano apportare alcuna modifica alla loro dieta o al loro apporto calorico.

I ricercatori hanno misurato quindi il grasso corporeo addominale (grasso sottocutaneo e viscerale), la percentuale di grasso corporeo, il peso e l'indice di massa corporea. Alla fine dell’esperimento, dopo 12 settimane, tutti i valori, per i soggetti trattati con la rosa canina, erano scesi, compresa la percentuale di grasso corporeo.

Gli autori hanno concluso che l'estratto di rosa canina può essere utile come supplemento per ridurre in sicurezza il grasso viscerale addominale nelle persone a rischio obesità.