Agricoltura, nella Manovra misure per un milione di aziende

Saranno quasi un milione le aziende che beneficeranno del pacchetto di misure sull’Agricoltura contenuto nella Manovra finanziaria varata dal Governo. Le imprese agricole in crisi avranno gli strumenti per potersi risollevare, tra i provvedimenti varati anche il fermo-pesca

WhatsApp Share

I numeri delle aziende interessate sono da capogiro: 980 mila, delle quali 700 mila al Sud. Gli interventi sono mirati ed erano attesi dal settore da 65 anni. Alcune  misure del pacchetto di sostegno all’agricoltura, contenuto nella Manovra Finanziaria varata ieri, rappresentano un punto di svolta nei rapporti tra l’amministrazione fiscale dello Stato e i singoli contribuenti. I provvedimenti, voluti dal ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali, Saverio Romano, puntano a dare sollievo a quegli agricoltori in crisi e che, a seguito del loro status di insolvenza, non possono accedere agli accordi di ristrutturazione aziendale dei debiti. Da oggi si cambia. Verrà utilizzato anche per i titolari di imprese agricole lo strumento della cosiddetta “esdebitazione”, un istituto giuridico volto a favorire chi è fallito con l’obiettivo di fargli recuperare la sua attività economica per permettergli un nuovo inizio, una volta azzerate tutte le posizioni debitorie. Una seconda misura riguarda la transazione fiscale: di fatto, da oggi, gli agricoltori indebitati con il fisco potranno risolvere le proprie pendenza “coprendo” i debiti con i finanziamenti statali, anche se questi non saranno stati materialmente ancora erogati. Un modo per evitare che i titolari di imprese agricole restino ad attendere troppo a lungo le risorse pubbliche e per scongiurare il rischio che, in quel periodo specifico, si arrivi dichiarare il proprio stato di insolvenza. “Con questo Governo le aziende agricole in difficoltà, senza correre il rischio del fallimento, si vedono aprire la reale possibilità di ritornare a svolgere impresa in un settore che nel nostro Paese costituisce una delle leve economiche e occupazionali più significative” ha commentato soddisfatto il ministro Romano. Tra le altre misure, inserite nel pacchetto Agricoltura, figura il fermo-pesca di 45 giorni per permettere la pulizia dei fondali e il ripopolamento dei nostri mari. (Giacomo Gallo)